Passa ai contenuti principali

Handlettering Workshop

[G] Ho pensato tanto se scrivere o no questo post... sono certa che un'altra persona racconterà presto con foto meravigliose l'intera giornata, unendo tra loro le parole del racconto con la delicatezza che la contraddistingue. 
Ad essere sincera volevo custodire come un prezioso segreto le emozioni di quella giornata, poi ho pensato anche alle mie amiche virtuali, creative appassionate, che per problemi logistici o per altro, forse non potranno godere di una giornata così e magari stanno aspettando il mio post con curiosità. 
Appena ho saputo che Chiara avrebbe organizzato un suo Workshop di Handlettering a casa di Gaia, mi sono iscritta subito anche se con un pò di timore: conosco Chiara e l'ammiro tanto per il suo lavoro è una di compagnia, simpatica, chiacchierona ( del resto è romagnola come me)  ... ma entrare a casa di Gaia un pò vi confesso mi spaventava. La prima cosa a cui ho pensato dopo aver mandato la mail di adesione al corso è stato "Adesso cosa mi metto?" Lei è così perfetta nella sua semplicità, sa essere regale senza ostentare mai la sua eleganza. Io sono maldestra, non abbino niente, mi mangio le unghie. Ho pensato anche che per un corso di Handlettering forse era il caso di mettersi lo smalto... "Oddio se mi fotografa le mani proprio mentre sto per scrivere qualche cosa?"
La sua casa poi... avete mai visto le foto degli angoli di casa sua? Figurati se una come me non rompe qualche cosa... Ma soprattutto chi saranno le altre partecipanti? 
A tutto questo e a molto altro ho pensato fino al 25 di novembre, fino alla mail di Gaia che ricordava a me e alle altre ragazze l'orario del corso e ci forniva indicazioni su come raggiungere la sua casa. A quel punto era cosa fatta. Ho letto i nomi delle altre ragazze, ho studiato orari e percorsi di tutte e poi mi son detta "Secondo me ce la posso fare!". Mi sembrava di leggere le mail che scambio con le amiche quando dobbiamo organizzare qualche cosa...
Domenica mattina, dopo aver accompagnato GGrande a messa sono partita con la mia macchina sotto la pioggia verso casa di Gaia. Sono arrivata quasi per ultima e questa è stata la mia fortuna, chi arriva per ultimo non se lo fila nessuno, gli altri hanno già fatto gruppo! 
Non ho fatto foto alla casa perché con il cellulare sarebbe stato davvero difficile e poi non volevo sembrare una fanatica, ma fidatevi se vi dico che è stato come entrare in una favola. Candele accese, profumo di buono, musica di sottofondo....
E' ora di iniziare... la maestra ci ricorda che il tempo è poco e gli argomenti da trattare sono tanti. Ci sono tre tavoli apparecchiati per noi: le cartelline di Chiara sono pronte, tanti fogli e le matite. Ad ogni posto un sacchettino con dentro quadrotti di torta al cioccolato... una coccola di Gaia. 
Io mi siedo nel banco più lontano rispetto a Chiara: la paura delle prime file è la stessa di quando andavo al liceo. Anche qui la scelta si rivela subito la più giusta: ridere di cuore con delle ragazze che conosci da un'ora ti fa capire che l'empatia è collegata alla simpatia. Tavolo in fondo rumoroso e allegro ma capace di regalare il leitmotiv della giornata: quest'anno non avremo il Natale ma il Noël.
Mentre noi apprendevamo le basi della scrittura a mano, Gaia preparava in cucina il nostro pranzo... qui la foto l'ho fatta perchè di fronte a tante cose buone ( perfettamente sistemate) è stato impossibile resistere.
Lei ha grazia in tutto anche nel cucinare e tutto le viene così naturale.
Il pomeriggio è trascorso tra risate e fogli accartocciati, tra legature, svolazzi e  decori di riempimento. 
E' davvero difficile tradurre in parole il ricordo di questa giornata... ho conosciuto persone stupende e ne sono davvero felice. Ho chiacchierato tanto e mi sono divertita, ho imparato che la scrittura a mano è pazienza e calma e nel mio caso una buona dose di autostima aiuta a trasformare uno scarabocchio in un'opera d'arte.
Questa non è opera mia ma della mia bravissima compagna di tavolo Silvia, vi assicuro che è molto più di una semplice scritta. 
Grazie a tutte di nuovo. 

A presto, Giorgia 









Commenti

  1. Ci piacciono tanto queste occasioni di incontro in cui si ha la possibilità di apprendere nuove tecniche e soprattutto di conoscere nuove amiche con cui, alla fine, si scopre sempre di avere molte più affinità di quante si possa immaginare.
    Grazie per aver condiviso il racconto della tua giornata speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi che passate sempre di qua a leggere le mie avventure!!! buon pomeriggio. Giorgia

      Elimina
  2. Grazie Giorgia per il magnifico post, è stata veramente una bella giornata! Vogliamo parlare delle risate, poi???

    A presto
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara segnami pure per il prossimo workshop devo perfezionare alcune cose :-))) Per fortuna che io ho un fantastico timbro Buon Natale che sembra scritto a mano... conosci???

      Elimina
  3. Ciao Giorgia, bellissimo post! È come descrivi quel l'emozione così viva e pura, mi fa venire ancora di più la voglia di conoscerti! È' meraviglioso trovare persone che parlano la tua stessa lingua e che amano le stesse cose, si crea un legame profondo e unico. Grazie per avere condiviso la tua gioia. Un abbraccio, Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria è stata proprio una domenica gioiosa!! Ci sarà occasione per vederci e parlare insieme ne sono sicura. Un abbraccio a te. Giorgia

      Elimina
  4. Mi vorrei trasferire di nuovo a Bologna!!!! Bellissimo racconto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe ogni tanto potresti tornare per una visita!!! Grazie mille. Giorgia

      Elimina
  5. Bellissima esperienza e bellissime le tue parole...ci hai messo l'anima in questo racconto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ... volevo raccontare la giornata facendo capire le mie emozioni. Allora ci sono riuscita? Grazie ancora e buona giornata. Giorgia

      Elimina
  6. È stata una bellissima giornata ricca di risate contagiose e tante chicchiere! Grazie, grazie a tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena che bello ritrovarti qui! Mi fa piacere ricevere il tuo commento, un'altra testimonianza della speciale giornata! Un abbraccio Giorgia

      Elimina
  7. Grazie per aver condiviso con noi questo bellissimo post carico d'emozioni ...
    Un bacio ... a presto ...

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post. Grazie di aver condiviso la tua esperienza e, soprattutto, le tue paure iniziali!
    Buona domenica

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per averci lasciato un commento, lo leggeremo volentieri!

Post popolari in questo blog

Pasta modellabile al bicarbonato

[G] Ieri pomeriggio ho pubblicato sulla pagina Facebook del blog, la foto dei chiudi pacco natalizi preparati insieme ai bambini qualche giorno fa. Ebbene l'entusiasmo dimostrato e la richiesta di maggiori informazioni, mi ha convinto a scrivere questo post con la ricetta della pasta modellabile al bicarbonato. Purtroppo non ho foto della preparazione della pasta, ma vi lascio il riferimento al post di Country Kitty, dal quale ho preso anche io la ricetta aumentando le dosi. Troverete foto bellissime e qualche suggerimento. 
Era da tempo che volevo provare a farla, ma non sono mai stata un'amante delle paste modellabili e sopratutto non pensavo venisse così bene e che fosse così bianca. 
Così un giorno della settima scorsa ho proposto la "mia" idea ai bimbi e dopo cena abbiamo dato via ai lavori. Ecco il motivo di mancanza di foto: con loro non puoi distrarti a far foto se no in un attimo ti trovi la cucina nel caos più totale. 
Fidatevi è veramente semplice e divertente…

Pinkie Pie per Emma

[G] Nonostante le allarmanti notizie sul calo delle nascite in Italia, intorno a noi continuano a nascere bambini e così io continuo a realizzare fiocchi nascita! Come avrete capito leggendo un precedente post, son ben felice di accettare l'incarico quando mi viene richiesto... soprattutto quando si parla di rosa! Quando ho iniziato a pensare a questo "fiocco" avevo in mente altro, volevo fare una cosa diversa dalle solite nuvolette, con dei cuori, farfalle e fiori. Ma poi l'idea mal si abbinava alla stagione: fiori e farfalle in inverno non mi convincevano. Così ho pensato ad una frase di GGrande:" Tu mamma sei come Pinki Pie ti piace sempre fare dolci e organizzare feste".  Pinkie Pie, per chi non la conoscesse, è un simpatico pony della serie animata My Little Pony - L'amicizia è magica, che ama cucinare muffin e cupcakes, fare scherzi divertenti e sopratutto è la "migliore organizzatrice di party".  In effetti abbiamo molte cose in comune!  Mi…

Come colorare un timbro ... corso base per principiante

[G] Cosa avete capito??? La principiante sono io, mica voi !!!! Vi ricordate questo primo esperimento nel colorare un timbro? Ecco,  ha avuto un tale successo che ho pensato di condividere con tutti un segreto: basta poco per colorare un timbro non abbiate paura PROVATECI!!!! Non fraintendetemi, ci sono tecniche specifiche da seguire se si vuole realizzare una colorazione perfetta, così come servono colori apposta acquistabili in negozi specifici. Ma se voi come me non cercate la perfezione ma volete solo sperimentare qualche cosa per divertimento e aggiungere un tocco in più alle vostre creazioni allora non esitate. Lo dico che perchè io così mi sono sentita per anni di fronte a timbri bellissimi. Guardavo con profonda ammirazione le colorazioni di artiste bravissime senza acquistare nessun timbro perchè pensavo che tanto non colorandolo non me ne sarei fatta niente. Pensavo anche che la colorazione fosse possibile solo con pennarelli troppo costosi per essere solo un piccolo passate…