Passa ai contenuti principali

Riflessioni del venerdì

[G] Non era mia intenzione chiudere la settimana lavorativa con un'altra riflessione, ma è stato impossibile non farlo.
Quando la mattina accompagno a scuola GPiccolo ascoltiamo in macchina un Cd di vecchie sigle di cartoni animati, la sua preferita è quella di Gig "cuore d'acciaio" come dice lui. Poi lui va a scuola e io continuo ad ascoltarle perché mi mettono allegria e mi fan tornare un pò bambina. Questa mattina invece voleva ascoltare un CD noiosissimo di Peppa Pig, quindi appeno l'ho lasciato a scuola ho "cambiato" musica scegliendo Radio Deejay. Alla mattina in onda c'è il Trio Medusa che adoro, molto più in radio che in televisione. L'argomento di cui stavano parlando, l'uscita del libro di Fausto Brizzi "Cento giorni di felicità", mi ha incuriosito subito. Il romanzo racconta la storia di un uomo che scopre di avere una malattia in fase terminale e gli restano solo 100 giorni da vivere. Cento giorni in cui il protagonista si impegnerà nella cosa più difficile di tutti: essere felice.
Ditemi se non fa riflettere una cosa del genere... Allora ho pensato a cosa farei io se mi rimanessero solo 100 giorni di vita. Certo prima dovrei metabolizzare la notizia, i primi 5 giorni, cercandone  l'aspetto positivo: non tutti hanno la fortuna di conoscere il giorno della propria dipartita. Poi gli altri 95 giorni? Ho pensato subito ad un lunghissimo viaggio, per vedere e conoscere posti nuovi, oppure a qualche cosa di pericoloso tipo lanciarmi con il paracadute o bungee jumping, tanto peggio di così. Ho pensato anche di comperarmi un paio di scarpe di Jimmy Choo per essere super fashion almeno i miei ultimi giorni. 
Ma poi alla fine, farei anche io come il protagonista, vivrei normalmente, cercando "solo" di essere felice, tenendomi stretta i miei amori più grandi.
Non è così scontata la felicità, è un bene preziosissimo che va coltivato, curato e alimentato ogni giorno e soprattutto cercata nelle piccole cose perchè è lì che si nasconde. 
Allora ecco cosa farei, solo cose che mi rendono veramente felice: passeggiate nei boschi a raccogliere lamponi, corse in bicicletta lungo la discesa davanti a casa cercando di non usare i freni oppure con lo scooter in due nel  sottopasso di Misano cercando di toccare i 100 Km/h.
E ancora: aspetterei la pioggia per correre fuori con i bimbi a specchiarmi nelle pozzanghere e poi ci salterei dentro, preparerei ogni giorno una torta e inviterei tutti gli amici per assaggiarla; chiamerei mia mamma, mia sorella o la Pucci al telefono e parlerei per ore e ore del nulla cosmico. E poi abbracci abbracci e ancora abbracci e come sottofondo le risate contagiose dei bambini.
E se proprio non mi riuscisse di fare una cosa che mi rende felice potrei sempre pensare a quelle che mi hanno reso felice: le gite con i nonni, la mattina di Pasqua e il Martini, il giorno del nostro matrimonio, la nascita dei bimbi ... ho così tanti pensieri felici che riuscirei anche a volare: 
“Campanellino, perché non riesco a volare?”
“Peter Pan, per volare hai bisogno di ritrovare i tuoi pensieri felici”.
James Barrie, Peter Pan


A presto. Giorgia 

Commenti

  1. Wow, sono senza parole...bella riflessione !

    RispondiElimina
  2. Cara Giorgia, da queste righe ho capito che sei una persona veramente speciale !
    Una Donna, che sa "seminare", per poter raccogliere la felicità.
    Licia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Licia per le tu bellissime parole e grazie anche per essere passata di qua.. Giorgia

      Elimina
  3. Oggi 25 Maggio a 6 masi dal tuo post mi sono accadute varie cose, su una concordo pienamente con te PENSARE A QUELLE CHE MI HANNO RESO FELICE ti aiuta a vedere gli avvenimenti in un' ottica migliore e cosa importante ti aiutano a non affondare. Penso che leggerò il libro. ciao Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Elsa, i pensieri felici rendono liberi di volare... Giorgia

      Elimina

Posta un commento

Grazie per averci lasciato un commento, lo leggeremo volentieri!

Post popolari in questo blog

Pasta modellabile al bicarbonato

[G] Ieri pomeriggio ho pubblicato sulla pagina Facebook del blog, la foto dei chiudi pacco natalizi preparati insieme ai bambini qualche giorno fa. Ebbene l'entusiasmo dimostrato e la richiesta di maggiori informazioni, mi ha convinto a scrivere questo post con la ricetta della pasta modellabile al bicarbonato. Purtroppo non ho foto della preparazione della pasta, ma vi lascio il riferimento al post di Country Kitty, dal quale ho preso anche io la ricetta aumentando le dosi. Troverete foto bellissime e qualche suggerimento. 
Era da tempo che volevo provare a farla, ma non sono mai stata un'amante delle paste modellabili e sopratutto non pensavo venisse così bene e che fosse così bianca. 
Così un giorno della settima scorsa ho proposto la "mia" idea ai bimbi e dopo cena abbiamo dato via ai lavori. Ecco il motivo di mancanza di foto: con loro non puoi distrarti a far foto se no in un attimo ti trovi la cucina nel caos più totale. 
Fidatevi è veramente semplice e divertente…

Pinkie Pie per Emma

[G] Nonostante le allarmanti notizie sul calo delle nascite in Italia, intorno a noi continuano a nascere bambini e così io continuo a realizzare fiocchi nascita! Come avrete capito leggendo un precedente post, son ben felice di accettare l'incarico quando mi viene richiesto... soprattutto quando si parla di rosa! Quando ho iniziato a pensare a questo "fiocco" avevo in mente altro, volevo fare una cosa diversa dalle solite nuvolette, con dei cuori, farfalle e fiori. Ma poi l'idea mal si abbinava alla stagione: fiori e farfalle in inverno non mi convincevano. Così ho pensato ad una frase di GGrande:" Tu mamma sei come Pinki Pie ti piace sempre fare dolci e organizzare feste".  Pinkie Pie, per chi non la conoscesse, è un simpatico pony della serie animata My Little Pony - L'amicizia è magica, che ama cucinare muffin e cupcakes, fare scherzi divertenti e sopratutto è la "migliore organizzatrice di party".  In effetti abbiamo molte cose in comune!  Mi…

Una mongolfiera come invito

[G] Inizia il periodo delle comunioni, cresime e soprattutto dei battesimi.... al di là del valore religioso di questo sacramento dal punto di vista creativo è il mio preferito. Azzurro e rosa sono una coppia di colori che ho sempre adorato fin da piccola e quando ho la possibilità di divertirmi con loro ne sono felice. Non sono una grafica anche se in giovane età ho avuto il pensiero di diventarlo facendo poi una scelta scolastica completamente diversa. Forse è per questo che seguo tantissimi blog e profili di grafica con profonda ammirazione per il lavoro di una super grafica in particolare: Giulia Le Petit Rabbit. Diciamo anche che è un pò "colpa sua" se sono arrivata a scrivere questo post !!!  Ci siamo conosciute l'anno scorso all'edizione primaverile del Mondo Creativo: io avevo appena acquistato una fustella a forma di girandola, lei mi parlò di alcuni inviti che aveva preparato per un battesimo diventando "matta" a tagliare tutte le girandole a mano. Pe…